Hauptseite / Fabrizio De André / La città vecchia
Fabrizio De André-La città vecchia
03:21

Fabrizio De André - La città vecchia

  • Ansichten 62
  • Wiederholung im Radio 4
Fabrizio De André La città vecchia



Beschreibung und Texte
1974 Canzoni ♫ La città vecchia. Anno di pubblicazione: 1965
(Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Georges Brassens)
Anno: Registrato e Mixato nel 1974
Autori: Fabrizio De Andrè ad eccezione di "Via della Povertà" De Andre'/De Gregori/Dylan; "Le passanti", "Morire per delle idee" e Deitto di paese De Andre'/Brassens; "Suzanne" e "Giovanna D'Arco" De Andre'/Cohen; "Valzer per un amore" De Andre'/Cohen..

La città vecchia

Nei quartieri dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi
ha già troppi impegni per scaldar la gente d'altri paraggi,
una bimba canta la canzone antica della donnaccia
quello che ancor non sai tu lo imparerai solo qui tra le mie braccia.
E se alla sua età le difetterà la competenza
presto affinerà le capacità con l'esperienza
dove sono andati i tempi di una volta per Giunone
quando ci voleva per fare il mestiere anche un po' di vocazione.
Una gamba qua, una gamba là, gonfi di vino
quattro pensionati mezzo avvelenati al tavolino
li troverai là, col tempo che fa, estate e inverno
a stratracannare a stramaledire le donne, il tempo ed il governo.
Loro cercan là, la felicità dentro a un bicchiere
per dimenticare d'esser stati presi per il sedere
ci sarà allegria anche in agonia col vino forte
porteran sul viso l'ombra di un sorriso tra le braccia della morte.
Vecchio professore cosa vai cercando in quel portone
forse quella che sola ti può dare una lezione
quella che di giorno chiami con disprezzo pubblica moglie
quella che di notte stabilisce il prezzo alle tue voglie.
Tu la cercherai, tu la invocherai più di una notte
ti alzerai disfatto rimandando tutto al ventisette
quando incasserai delapiderai mezza pensione
diecimila lire per sentirti dire "micio bello e bamboccione".
Se ti inoltrerai lungo le calate dei vecchi moli
In quell'aria spessa carica di sale, gonfia di odori
lì ci troverai i ladri gli assassini e il tipo strano
quello che ha venduto per tremila lire sua madre a un nano.
Se tu penserai, se giudicherai
da buon borghese
li condannerai a cinquemila anni più le spese
ma se capirai, se li cercherai fino in fondo
se non sono gigli son pur sempre figli
vittime di questo mondo.

Presentando La città vecchia durante un'esibizione del '97, De André disse: "è una canzone del 1962, dove precisavo già il mio pensiero. Avevo 22 anni, adesso ne ho... E il mio pensiero non è cambiato, perché un artista, a qualsiasi arte si dedichi, ha poche idee, ma fisse. Io credo che gli uomini agiscano certe volte indipendentemente dalla loro volontà. Certi atteggiamenti, certi comportamenti sono imperscrutabili. La psicologia ha fatto molto, la psichiatria forse ancora di più, però dell'uomo non sappiamo ancora nulla. Certe volte, insomma, ci sono dei comportamenti anomali che non si riescono a spiegare e quindi io ho sempre pensato che ci sia ben poco merito nella virtù e poca colpa nell'errore, anche perché non ho mai capito bene che cosa sia la virtù e cosa sia l'errore". Tale conclusione sostiene e giustifica le commosse parole finali di questa canzone, che già nel titolo richiama una celebre poesia di Umberto Saba, intitolata appunto Città vecchia.
Si tratta qui di una serie di "quadri" di vita di un quartiere genovese del centro storico, attraverso i quali, ancora una volta, De André rappresenta il mondo degli emarginati, a lui così cari ed invece così spesso dimenticati, persino dal buon Dio.
Prostitute e pensionati sono descritti con evidente simpatia, perché raffigurano la schiettezza contro l'ipocrisia del vecchio professore dall'ambiguo comportamento. Le ultime due strofe delineano con maggiori particolari la zona dell'angiporto e i personaggi che lo abitano: ladri, assassini, approfittatori senza scrupoli. Ed è proprio qui che De André chiede di non giudicare con il metro della legalità e della mentalità borghese, bensì di provare per quei poveri esseri un forte senso di pietà, poiché essi non sono null'altro che vittime della società e della storia.
Le canzoni di De André hanno spesso riferimenti colti, a parte ovviamente quelli che derivano dallo studio e dall'elaborazione di testi letterari veri e propri (come negli album La buona novella e Non al denaro, non all'amore né al cielo). Un caso esemplare ci è offerto, per questa canzone, da Città vecchia di Umberto Saba.

L'analogia del testo di De André con questa celebre poesia di Saba è evidente non solo nel titolo, ma anche in singole immagini: la "bimba che canta la canzone antica / della donnaccia" richiama la "prostituta"; i "quattro pensionati mezzo avvelenati / al tavolino" fondono le due immagini sabiante dell'"osteria" e del "vecchio / che bestemmia".
Tuttavia vi è anche una differenza ideologica sostanziale fra i due autori: mentre per Saba "il Signore" riscatta con la sua presenza i reietti della sua città, il "buon Dio" di De André "non dà i suoi raggi" ai poveri quartieri genovesi.
mehr anzeigen
videoclips

469796

2379080

Radio-Station, wo das Lied klang
Kommentare
einloggen Anmeldung Passwort wiederherstellen

Speichern Sie Ihre Lieblings-Radiosender und Getriebe, zu Favoriten hinzufügen

Passwort wiederherstellen

Oder geben Sie durch das soziale Netzwerk

Vk Facebook Google+
Anmeldung Войти

Speichern Sie Ihre Lieblings-Radiosender und Getriebe, zu Favoriten hinzufügen

Oder geben Sie durch das soziale Netzwerk

Vk Facebook Google+
Passwort wiederherstellen einloggen
No signal
Radio vorübergehend nicht funktioniert
Wir arbeiten bereits an dem Problem, wir werden dieses Problem bald lösen, aber jetzt können Sie die Suche nutzen
Empfohlen